Regione Calabria: concluso a Cosenza il ciclo di incontri per presentare il Dos.

La grande occasione.

Si è concluso venerdì 18 aprile presso la sala di palazzo Arnone  a Cosenza, il ciclo di incontri promossi dalla Regione Calabria  per presentare su tutto il territorio calabrese il Documento di Orientamento Strategico, base strategica per la definizione, entro la prossima estate, dei Programmi Operativi Regionali per il periodo di programmazione 2014-2020. Presenti all’incontro  un pubblico di sindaci e amministratori dei Comuni e della Provincia, associazioni di categoria, università, sindacati ed imprenditori.
Con la presentazione del Documento è stato avviato un processo di confronto sulle tematiche non solo al partenariato istituzionale e sociale, ma anche a tutti i portatori di interessi coinvolti in un processo di sviluppo integrato della Calabria. Si è parlato infatti di un nuovo regionalismo che ponga ad esempio Gioia Tauro al centro di un sistema logistico che la colleghi alla Puglia e alla Campania, ad una interazione con la Basilicata per quanto riguarda le politiche estrattive, ad una politica dei Beni culturali che ponga sullo stesso asse Pompei, Sibari, i Bronzi di Reggio Calabria e la Valle dei Templi.
L’incontro si è concentrato sugli obiettivi tematici 1,2 e 3 ovvero Ricerca e Innovazione Agenda digitale e Competitività, su cui i regolamenti comunitari impongono una concentrazione di almeno il 50% delle risorse finanziarie.
Si è parlato anche di nuova mobilità poiché il processo di sviluppo attraverso le azioni della mobilità sostenibile di persone e merci si baserà sul potenziamento delle strade ferrate che si svilupperà lungo tre assi principali: il potenziamento dell’asse ferroviario Paola – Sibari  che garantisca la connessione del sistema portuale di Gioia Tauro con l’Adriatico; l’implementazione del sistema ferroviario urbano Università Rende – Cosenza e da qui il collegamento ferroviario con Catanzaro; lo sviluppo della porta Nord dell’area urbana cosentina con la realizzazione di uno snodo ferroviario nell’area UniCal – Montalto.
Ma si è parlato anche di sviluppo intelligente: nell’ambito di quest’azione integrata e complessa un ruolo fondamentale e centrale assume la Strategia di innovazione per una specializzazione intelligente, la cui elaborazione è una condizione preliminare all’attuazione dei Programmi.
In questi giorni la prima bozza della Strategia regionale di specializzazione intelligente e innovazione ha ricevuto una valutazione positiva da parte della Commissione Europea.
Il prossimo passaggio per la definizione della strategia sarà l’organizzazione degli Stati generali dell’innovazione nei sistemi produttivi che apriranno i contenuti fin qui definiti ai contributi del più ampio partenariato istituzionale, produttivo e sociale regionale.